Ultraottantenni, l’Italia prima in Europa: dopo 10 anni il sorpasso sulla Svezia

0
1084

BRUXELLES – L’Italia è il Paese Europeo con la maggior quota (il 6,5%) di popolazione che, al primo gennaio 2015, aveva compiuto 80 anni o più. Lo ha reso noto Eurostat in occasione della giornata internazionale degli anziani. Nel 2005 l’Italia era risultata seconda con una quota del 4,9% alle spalle della Svezia (5,4%) che dopo dieci anni è invece scesa al 5,1%. L’Italia risulta poi quarta, alle spalle di Francia, Spagna e Lussemburgo, per l’aspettativa di vita degli ottantenni: dieci anni contro una media di 9,5.

La distribuzione per sesso degli ultra ottantenni risulta marcatamente sbilanciata a favore delle donne in maniera piuttosto analoga nei vari paesi: in media due ultra ottantenni su tre sono di sesso femminile, il 64,6 per cento. In italia le donne sono il 64,4 per cento.

L’aumento degli ultra ottantenni (dal 4% nel 2005 al 5,3% nel 2015) indica che una persona su venti oggi ha più di 80 anni, grazie all’aumento della durata della vita media. Se infatti nel 2005 chi aveva già raggiunto gli 80 anni poteva, in media, aspettarsi di viverne altri 8,4, oggi può sperare in altri 9 anni e mezzo. A livello europeo, sono quattro i Paesi dove l’aspettativa di vita per gli ultra ottantenni è superiore a questa media: Francia (11 anni), Spagna (10,4 anni), Lussemburgo (10,1 anni) e Italia (10 anni).