LiberEtà, il numero di aprile

0
762

L’emergenza del coronavirus ha stravolto le vite di tutti noi. Il vostro e nostro lavoro è cambiato. Ma ci siamo, anche questo mese, nonostante tutto. Mentre il numero di aprile si chiudeva e andava in stampa, la redazione del giornale ha aggiornato quotidianamente il sito per offrire un’informazione puntuale sull’emergenza sanitaria, per raccontare chi lavora in prima linea negli ospedali, per rendere conto delle tante, bellissime, esperienze di solidarietà sul territorio, ma anche per dare supporto e consigli in un momento difficile per tutti. Lo abbiamo fatto rendendo gratuita la lettura dei nostri libri e del numero di marzo, ma anche fornendo consigli utili per sopravvivere in casa, restare in forma e muoversi anche restando tra le pareti domestiche. Lo abbiamo fatto con le fiabe, per rimettere in comunicazione nonni e nipoti. Abbiamo deciso di raccogliere tutto sotto un’unica immagine, quella del Colibrì, simbolo di vitalità ed energia. Nasce così una sezione del nostro sito interamente dedicata all’emergenza coronavirus e ai modi per fronteggiarla nel migliore dei modi. 

Il numero di aprile si apre con un editoriale di Ivan Pedretti, segretario generale dello Spi Cgil, che riflette sull’impatto dell’emergenza sanitaria sulla popolazione anziana e sull’importanza del sistema sanitario nazionale. A seguire, un focus sull’emergenza e sulle zone in cui il virus ha colpito di più. E ancora, la comunicazione e le relazioni sociali al tempo della quarantena.

Ma neanche il coronavirus può cancellare i nostri valori. Per questo nel nuovo numero di aprile raccontiamo anche il significato e l’attualità del 25 aprile con un’intervista alla presidente nazionale dell’Anpi Carla Nespolo. E la nostra parola del mese non a caso è “Liberazione”. Raccontiamo poi il teatro civile di Ascanio Celestini che ha raccontato la Resistenza e la Liberazione in molte occasioni.

La nostra inchiesta è dedicata a fisco e disuguaglianze: tante imposte e poca chiarezza. Cerchiamo di aiutare i nostri lettori a districarsi nella giungla Irpef. E poi ci sono le pagine utili, con un focus sul cedolino della pensione, le spese sanitarie tracciabili, una guida ai conti correnti bancari e, ancora, i rischi delle cure fai da te che si trovano in rete. Infine, gli immancabili consigli per restare in salute, alimentarsi bene e fare attività fisica, a tutte le età, e rispettare l’ambiente.


Abbònati! Costa solo 12 euro l’anno!