Quando infuria la tempesta, la cosa migliore è piegarsi come le canne che non si spezzano. Ecco allora qualche altro consiglio per resistere al vento dell’emergenza coronavirus che soffia forte, con un po’ di leggerezza e di ironia.

Casa
In questi giorni è stato spesso evocato il Decamerone di Boccaccio: la peste, la quarantena, le storie, il bisogno di evasione. In tanti hanno detto “bisognerebbe rileggere il Decamerone”. Giusto, ben detto! Ma c’è anche un’altra cosa che possiamo fare e che ormai nessuno più fa: leggere ad alta voce un libro. Se avete dei figli o dei nipoti, sarà già prevista nella vostra tabella di marcia casalinga una lettura serale a squarciagola. Ma se invece i vostri figli si sono ormai fatti grandi o vivono lontano, se vi ritrovate a vivere con un parente che non avevate pensato di ritrovarvi tra i piedi ma che l’emergenza ha fatto sì che dovesse restare proprio lì dove si trovava; se vivete con un fidanzato che ormai dopo settimane passate insieme non sopportate più, ma anche se vivete da soli, beh, potete leggere ad alta voce, per far risuonare in modo diverso le storie, le emozioni, le avventure e le battaglie che si dipanano tra le pagine dei romanzi. E anche se non abbiamo un fuoco attorno a cui raccoglierci, di certo troveremo un buon sostituto in ognuna delle nostre case a simboleggiare il centro dei nostri affetti e delle nostre vite. Provare per credere.

Letture, scritture e visioni
Se invece preferite che a raccontarvi le storie sia qualcun altro, potete sempre rifarvi con gli audiolibri che trovate sul sito del programma “Ad alta voce”, per l’appunto. Ne trovate a bizzeffe. Alzate il volume, potremo sempre far finta di essere seduti in uno spettacolare anfiteatro all’aria aperta anche restando sul nostro divano.

Viaggi virtuali
Se avevate pensato di voler andare a vedere un concerto a La Scala di Milano almeno una volta nella vita, se avevate deciso di farlo proprio quest’anno, se addirittura avevate già comprato un biglietto e se i vostri piani sono evidentemente andati in fumo, potete sempre rifarvi con un viaggio virtuale. Fino al 21 aprile La Scala trasmette su Rai 5 grandi spettacoli di opera, da Monteverdi a Mozart, da Puccini a Verdi e chi più ne ha più ne metta. Qui il calendario completo.