La ferrovia Circumetnea, intorno al vulcano

0
83

Un’antica linea che si snoda ai piedi dell’Etna, tra lande aspre e desolate e borghi dalle affascinanti e caratteristiche architetture realizzate in pietra lavica.

Inaugurata nel 1898, la ferrovia Circumetnea rappresenta un modo senz’altro originale per visitare i borghi e le cittadine ai piedi dell’Etna in un ambiente affascinante caratterizzato dalle pietre nere della lava solidificata. Lungo circa 110 chilometri, il percorso parte dalla stazione di Catania Borgo e arriva a quella di Riposto, attraversando paesi come Paternò, Adrano, Bronte e Randazzo.

In realtà, la ferrovia Circumetnea è dedicata ai pendolari che quotidianamente si spostano per lavoro o studio, anche se saltuariamente vengono organizzate corse puramente turistiche con littorine d’epoca. Resta comunque il fatto che un viaggio in Circumetnea possa rappresentare un’esperienza per scoprire scorci del vulcano e paesaggi meno noti della Sicilia orientale.

Lava e macchia mediterranea. Le lande aspre, caratterizzate dalla scura pietra lavica e dalla macchia mediterranea che vengono attraversate, specialmente tra Adrano e Randazzo, sono senza dubbio il punto di forza del percorso, che può essere effettuato anche a tappe, per poter visitare così alcuni dei paesi circostanti, tra i quali spicca sicuramente Randazzo con le sue belle architetture realizzate in pietra lavica.

Per gli amanti del trekking e delle escursioni, invece, si può utilizzare la Circumetnea per raggiungere i punti di partenza di affascinanti escursioni ai piedi del vulcano più alto d’Europa. Il treno dei vini. Il percorso completo da Catania a Riposto richiede oltre tre ore e se amate immergervi in un viaggio dal sapore antico sicuramente vi regalerà un viaggio ricco di emozioni. Inoltre, la Circumetnea organizza un “Treno dei vini dell’Etna”: che percorre le floride pendici del vulcano e si inoltra poi, con un servizio di autobus, nelle strade del vino dell’Etna alla scoperta delle più belle cantine e delle meraviglie gastronomiche del territorio.