SPI e SILP CGIL contro le truffe: a Lucca arriva il nuovo sportello per gli anziani

0
140

Uno sportello di ascolto e informativo per non cadere vittime delle truffe: è quello che sarà realizzato grazie alla collaborazione tra il sindacato dei pensionati della Cgil di Lucca e il sindacato di Polizia provinciale Silp Cgil. Lo sportello nasce per prevenire le truffe a danno degli anziani. Dalla tecnica del finto poliziotto a quella della “perdita di gas’: sono innumerevoli le strategie adottate dai malviventi per carpire la fiducia delle loro vittime. E proprio per cercare di tutelarli lo Spi provinciale ha avviato il progetto di uno sportello il cui obiettivo è quello di non lasciare le persone sole e favorire la relazione. «La prossima apertura di un punto di ascolto testimonia l’operatività del nostro sindacato – ha sottolineato il segretario generale dello Spi di Lucca, Roberto Cortopassi-. Assieme al Silp e alle forze dell’ordine svolgiamo un prezioso lavoro di coordinamento nella prevenzione di questi fenomeni».

Fondamentale è, nei confronti degli anziani, la corretta comunicazione. «Il truffatore può trovare davanti a sé due tipi di anziani: quello che può reagire o quello che, più fragile e solo, che fa entrare il malvivente in casa perché non vede l’ora di parlare con qualcuno – ha affermato Marco Noero, responsabile regionale del progetto Spi-Silp –. La triangolazione tra Spi, Silp e forze di polizia è imprescindibile per garantire a coloro che vengono truffati una certa protezione nel momento in cui denunciano l’accaduto».

La sicurezza è un bene assoluto per gli anziani: sicurezza che troppo spesso viene messa a repentaglio dall’azione di malfattori senza scrupoli che approfittano della loro buona fede. Un fenomeno, purtroppo, in continua crescita. Secondo i dati del report 2020 del Ministero dell’Interno, dipartimento di pubblica sicurezza, gli anziani vittime di truffa sono prevalentemente uomini nella fascia di età compresa tra i 65 e gli 80 anni, soglia oltre la quale le vittime donne superano quelle di sesso maschile. Le regioni con il maggior numero di soggetti denunciati/arrestati sono Lombardia, Lazio, Veneto, Piemonte ed Emilia-Romagna; le province con più persone denunciate/arrestate sono Roma, Milano, Torino, Bologna e Napoli.

Da anni il sindacato dei pensionati è impegnato nella battaglia contro le truffe, con campagne di sensibilizzazione, incontri con le prefetture, accordi e iniziative con i Comuni e le istituzioni locali e, non ultimo, con un opuscolo informativo, edito da LiberEtà, dal titolo “Non ci casco”.

a guida pratica e semplice che descrive le semplici regole di comportamento per evitare di cadere vittima di truffe e raggiri. Le occasioni di potenziale pericolo per i cittadini, soprattutto anziani, sono dappertutto: in casa, per strada, al telefono, sui mezzi di trasporto o sul web. Il manuale è il risultato del lavoro congiunto dei pensionati Cgil insieme e di Cgil, Auser, Federconsumatori, Ficiesse, Silp Cgil e Sunia.