sabato 22 Giugno 2024
Home STILI DI VITA Costume e Società Rifiuti. La macchina che digerisce la plastica

Rifiuti. La macchina che digerisce la plastica

0
Rifiuti. La macchina che digerisce la plastica

Dimensione mini. È grande come un container ed è capace di riciclare qualsiasi rifiuto di plastica e tirarne fuori del carburante. Ecco, forse, la soluzione moderna ed ecologica per sbarazzarsi delle tonnellate di plastica che ricoprono continenti e oceani di tutto il mondo. È il più piccolo impianto di riciclaggio esistente, il marchingegno è in grado di funzionare ovunque. Semplice da usare, robusto e riparabile, “digerisce” la plastica e fornisce energia. In un’ora e quindici minuti produce circa 30/50 litri di carburante con l’equivalente di plastica.

Come funziona. Il prototipo esiste già, resta solo da rendere operativo un sistema che, sommato agli impianti industriali esistenti, può contribuire a rendere più capillare il riciclo. Grazie alla pirolisi della plastica, il processo di decomposizione del materiale organico con l’applicazione di calore in totale assenza di ossigeno, quindi senza combustione né ossidazione – e senza emissioni nell’atmosfera – riesce a produrre combustibile a un prezzo pari a meno della metà di quello del petrolio, con emissioni di CO2 inferiori del 70 per cento.

Meno rifiuti più energia. «Riciclando così cinquemila tonnellate si eviterebbero le emissioni di CO2 prodotte da seimila persone residenti in Italia. E si potrebbe fare a meno di una discarica grande 28  ettari, cioè 40 campi da calcio. Calcolando che nel nostro paese si raccolgono facilmente circa 150 mila tonnellate di plastica all’anno, si potrebbe realizzare rapidamente un centinaio di impianti di questo tipo», ha dichiarato Luca Dal Fabbro, amministratore di Grt Group.

Le potenzialità sono perciò enormi: secondo la Banca mondiale, se niente viene fatto, la produzione mondiale di rifiuti aumenterà del 70 per cento nel 2050. Tra questi rifiuti ci sono 242 milioni di tonnellate di plastica che se non verranno riciclate andranno a contaminare e degradare la qualità delle acque e degli ecosistemi per migliaia di anni.