giovedì 13 Dic 2018

Il partigiano Ermete

(Autore) in Pagine: 120

Prezzo:  9,00
Torna indietro

Il partigiano Ermete, così come recita il suo stato di servizio, nel periodo fra il settembre 1943 e il giugno del 1945 militò dapprima in una formazione autonoma, poi fu capo banda nella Matteotti e infine comandò un distaccamento nella Brigata Garibaldi Garemi, sempre nell’astigiano, ambiente sociale ed economico dalle caratteristiche del tutto peculiari.

I fatti d’armi che lo videro protagonista e le sue vicende di vita sono l’argomento di queste pagine, in un racconto che diventa una piccola saga familiare, sempre in equilibrio fra il calore degli affetti (il partigiano Ermete, Fausto Arvati, era il padre dell’Autore) e il rigore richiesto dalla verità storica.

Paolo Arvati (Genova, 1949-2011), sociologo, dopo alcuni anni dedicati all’insegnamento e alla ricerca, dal 1975 per 12 anni è stato impegnato a tempo pieno nella militanza sindacale ricoprendo diversi incarichi nella Cgil genovese e ligure. Rientrato al lavoro nel 1987, è stato funzionario e poi dirigente dell’Ufficio statistico del Comune di Genova, di cui è stato responsabile dal 1994 fino al pensionamento nel 2007. Dal 2003 al 2011 ha insegnato Statistica sociale all’Università di Genova come docente incaricato. È autore di numerose pubblicazioni, tra articoli, saggi, volumi, i cui oggetti prevalenti sono la demografia, la storia, l’analisi della società, in particolare le profonde trasformazioni della città e del mondo del lavoro.

La Resistenza e l’antifascismo sono stati un grande tema di studio e di riflessione, cui ha dedicato con passione energie e tempo, sia come membro del Direttivo dell’Istituto ligure per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea sia con vari scritti, tra cui Cronache resistenti. La lotta di Liberazione a Sestri e altre riflessioni antifasciste (2005).

- Advertisement -

Più letti