Pensioni: Spi Cgil, dal governo nessun taglio alle tasse

0
669
I pensionati in piazza insieme a Cgil, Cisl e Uil il prossimo 6 maggio. Pedretti: la presidente del Consiglio assicura sui suoi canali social di essere al lavoro per il Paese, a quanto pare non lo è per i pensionati e le pensionate

Lo Spi Cgil si unisce al coro dei sindacati contro il Def e rilancia la propria partecipazione alle manifestazioni unitarie del 6 maggio a Bologna, del 13 maggio a Milano, e del 20 maggio a Napoli.

In una nota fatta circolare ieri, il sindacato dei pensionati della Cgil ha criticato aspramente il Documento di programmazione di economia e finanza varato dal governo Meloni e approvato dal Parlamento la scorsa settimana.

Per il sindacato, dopo aver tagliato la rivalutazione lo scorso dicembre, l’esecutivo si prepara a varare un piano finanziario in cui non vengono tagliate le tasse sulle pensioni.

«Un Def — ha spiegato Ivan Pedretti, segretario generale dello Spi Cgil — che non dà nessuna risposta ai pensionati e alle pensionate, nonostante le tante promesse elettorali. Sulle tasse, poi, pochi soldi per i lavoratori dipendenti mentre i pensionati, che anche loro le pagano tutte e fino all’ultimo centesimo, vedono assottigliarsi la propria pensione per l’aumento dei prezzi e dell’inflazione senza ricevere alcun sostegno».

«La presidente del Consiglio assicura sui suoi canali social di essere al lavoro per il Paese, a quanto pare non lo è per i pensionati e le pensionate», è l’affondo del segretario generale dello Spi.

«Questo è un governo di classe e va contrastato. Ci troverete – conclude Pedretti – nelle piazze di Cgil Cisl e Uil a far sentire forte la voce di milioni di persone che rappresentiamo».