Oltre il manicomio. I cinquant’anni dei Chille de Balanza

0
517

Nato nel 1973, il gruppo teatrale approda a Roma domani per festeggiare mezzo secolo di attività. Si parte domani 7 novembre con la presentazione del loro libro al Teatro Argentina. Poi 9 il novembre la passeggiata storica all’ex ospedale psichiatrico S. Maria della Pietà e dal 10 a Tor Bella Monaca per il loro spettacolo ispirato a Don Milani. Il sostegno dello Spi e della Cgil alla campagna per la salute mentale

Il tema è di quelli significativi e percorrono l’intera esistenza dei Chille de la Balanza da quando sono nati, ormai 50 anni fa: come restituire a una vita civile e sociale i manicomi, il luogo simbolo con le carceri delle cosiddette “istituzioni totali”.

Il gruppo di ricerca teatrale Chille de la Balanza, fondato a Napoli e diretto da Claudio Ascoli, compie quest’anno mezzo secolo anni. Debuttarono il 13 ottobre del 1973,con “Napoli fatti popolari” in uno spazio di Port’Alba. E proprio a Napoli hanno festeggiato il loro compleanno con il libro “Chille 50” e il debutto, al ridotto del Mercadante, di “I CARE. Lettera a una professoressa”.

Dal 1985 la compagnia si è trasferita in Toscana, prima a Pontassieve, poi dal 1998 al San Salvi di Firenze, l’ex manicomio portato a nuova vita come presidio culturale della città dove ha realizzato vari spettacoli lavorando su Artaud, Baudelaire, Campana, Cervantes e mettendo a punto quella “Passeggiata a San Salvi” che dal 1999 a oggi ha superato le 600 repliche e i 60mila spettatori, guadagnando il riconoscimento come Passeggiata patrimoniale da Unesco e Consiglio d’Europa.

In questi giorni, i Chille sbarcano a Roma proponendo tutto il loro repertorio. Intanto domani sera, martedì 7 novembre alle 17, presso la Sala Squarzina del Teatro Argentina, ci sarà la presentazione del libro “Chille 50”.

Sulla falsariga di quella, nascerà a Roma il 9 novembre ‘Passeggiata straordinaria sulla storia e realtà dell’ex ospedale psichiatrico S. Maria della Pietà’ di e con Claudio Ascoli, “per stimolare un percorso di rigenerazione urbana per l’ex-manicomio romano a partire dalla sua storia, indagando sull’oggi e il possibile domani”. Sempre a Roma al Teatro Tor Bella Monaca il 10 e 11 novembre sarà riproposto lo spettacolo nato per celebrare il centenario di Don Milani e ispirato alla sua “Lettera a una professoressa” di e con Claudio Ascoli, con la partecipazione di Sissi Abbondanza e Monica Fabbri.

Lo Spi e la Cgil aderiscono alla campagna sulla salute mentale lanciata dal gruppo teatrale. “Come sindacato – ha spiegato Stefano Cecconi, segretario nazionale dei pensionati Cgil, nonché componente del Coordinamento nazionale per la salute mentale – siamo interessati al tema della salute mentale e civile, un tema particolarmente sentito tra gli anziani.

L’esperienza dei Chille è particolarmente significativa in questo senso, perché oltre a mettere in primo piano, nella loro arte ispirata al living theatre, la questione della salute mentale si sono posti anche il tema di come recuperare le strutture una volta destinate all’internamento dei pazienti, affinché ciò non avvenga mai più”.