Il numero di marzo di LiberEtà dedicato alle donne

0
525

Il nuovo numero di LiberEtà si apre con un articolo di Liliana Segre scritto in esclusiva per il nostro giornale in occasione della giornata dell’8 marzo. La senatrice Segre dice che per non smarrire il senso della storia è necessario integrare istruzione, formazione, centri di ricerca, mezzi di comunicazione, famiglie e società. E ricorda l’importanza della testimonianza, della storia e della memoria, come pure la dignità di tante donne recluse nei campi di concentramento. E ancora, il dovere di dire l’indicibile.

Per la parola del mese, il giornalista Paolo Fallai racconta la “gentilezza”, termine antico che oggi non trova più grande spazio.

A proposito di donne e diritti, ci sono artiste e artisti impegnati come Paola Cortellesi che dice: “Racconto storie di donne non ricche o famose ma che rispecchiano la realtà”. Attrice, autrice, sceneggiatrice sempre presente nei movimenti in difesa della dignità femminile.
Sempre a proposito di donne, indaghiamo la dipendenza dal gioco d’azzardo di tante anziane, e il cosiddetto digital divide. In una parte del mondo, infatti, l’accesso alle nuove tecnologie è un privilegio maschile con riflessi negativi sulle opportunità di lavoro. E anche in Occidente c’è ancora molto da fare perché il divario si riduca.

L’inchiesta del mese è dedicata alle tasse: a che cosa servono e perché tutti dovrebbero pagarle? Spieghiamo anche come funziona il bonus in busta paga.

Siamo andati a Reggio Emilia, dove i pensionati della Cgil hanno scattato un’interessante fotografia della popolazione anziana in una zona d’Italia in cui si sta bene ma dove non mancano disagi.

Raccontiamo il progetto di Spi e Auser su cibo sano e invecchiamento promosso dai pensionati Cgil di La Spezia, dalla “cucina degli avanzi” al dialogo intergenerazionale a tavola. Da leggere la storia di don Giusto Della Valle, prete della parrocchia alla periferia di Como che ospita migranti e senzatetto.

E ancora: una riflessione su benessere e sicurezza in città. Sicurezza non è soltanto un problema di criminalità ma vuol dire anche partecipazione, luoghi di incontro, risposte e soluzioni concrete ai bisogni dei cittadini.

Per le pagine utili, Cesare Salvi questo mese spiega un altro principio fondamentale della Costituzione: l’uguaglianza. E presentiamo anche un breve e utile vademecum contro gli infortuni in casa e spieghiamo come e perché non si debba usare l’alluminio in cucina.

Infine, viaggio tra i computer e i cellulari fuori uso, le nuove tecnologie contro il riscaldamento globale, il trasferimento dei dati sugli smartphone.

Per il capitolo salute e benessere, i temi sono l’obesità, i benefici dell’orto e l’igiene orale in rapporto alle diverse fasi della vita della donna. Non mancano i consigli per la cucina, gli orti e i giardini.

Sfoglia l’anteprima del numero