LiberEtà dà il via al progetto La biblioteca lega pensato per favorire la creazione o l’ampliamento di biblioteche presso le sedi del sindacato pensionati Cgil su tutto il territorio nazionale.

Il progetto nasce con l’intento di avvicinarci, in tutta sicurezza, anche durante la pandemia, fare comunità e garantire un presidio culturale e valoriale sul territorio anche con i libri della nostra editrice.

Come funziona? Il progetto si basa su uno scambio reciproco tra LiberEtà e le sedi territoriali dello Spi con l’obiettivo di contribuire alla creazione di biblioteche o all’ampliamento di quelle già esistenti.

Un modo per rinsaldare un legame tra la nostra casa editrice e il territorio. Uno strumento per favorire la creazione di piccole biblioteche locali e, con esse, centri di collegamento e relazione, anche in tempo di pandemia.

Prendere un libro in prestito e portarlo a casa può voler dire molto in un momento drammatico come quello che stiamo vivendo tutti. Vuol dire scambio, vuol dire relazione, vuol dire costruzione di una comunità, anche se le nostre relazioni possono essersi sfilacciate sotto il peso della lontananza.

Vuol dire anche offrire strumenti culturali e informativi sia ai volontari e agli attivisti dello Spi sia a tutti gli iscritti al sindacato che hanno voglia di leggere.

La lettura può unirci!

Chi fosse interessato ad aderire al progetto, può scrivere a segreteria@libereta.it