Ci prepariamo a trascorrere un altro weekend in casa. L’emergenza coronavirus ancora non è finita. Ma non temete, c’è sempre qualcosa da fare anche quando vi sembrerà di aver finito tutte le idee. Ecco qualche altro suggerimento.

Casa
In questi giorni di emergenza, a quanti di noi sarà capitato di restare senza il giusto ingrediente per la ricetta che avevamo immaginato? Quanti di noi avranno abbandonato l’idea di fare un buon dolce perché in casa non c’era il lievito? E in quanti abbiamo pensato alle code fuori dai supermercati e abbiamo deciso che era meglio starsene a casa e fare a meno del dolce consolatorio? È questa la buona occasione per riscoprire la cucina degli avanzi e per provare ricette che vengono da lontano e che possono aiutarci nel momento del bisogno. Ingredienti poveri, procedure semplici, risultato assicurato. Per gli appassionati del pane, che vanno in crisi di astinenza quando non ce n’è nemmeno più una fetta, il chapati indiano rappresenta una buona alternativa. Non serve lievito, ma solo un po’ di farina. Qui la ricetta.

Letture, scritture e visioni
Se siete stanchi dei soliti programmi in tv, vi suggeriamo due cose belle che il servizio pubblico offre a chi sta a casa. In primis, il programma di Giorgio Zanchini “Quante storie”, dal lunedì al venerdì alle 12:45 su Rai 3.  E poi “Lessico civile” di Massimo Recalcati il 30 marzo, RAI 3, ore 23,15. Assolutamente da non perdere. Cercate di restare svegli, però!

Viaggi virtuali
Se siete stufi delle esplorazioni virtuali dei musei o degli archivi digitali on line, provate a fare un tuffo nello spazio con le gallery fotografiche della Nasa! E se quando l’emergenza sarà finita vorrete collezionare anche voi i bellissimi manifesti pubblicitari di viaggi nello spazio mai realizzati ma solo immaginati, potreste stamparvi facilmente i vostri poster e appenderli a casa.