Amelia, esenzioni Irpef e sgravi per anziani e non solo

0
942

Esenzioni Irpef, sgravi e nessun aumento sulla Tari e sui costi di mense e scuolabus. Accade ad Amelia, in provincia di Terni, dove i sindacati dei pensionati hanno firmato un accordo con l’Assessorato ai servizi sociali. Un’intesa finalizzata a difendere i diritti dei più deboli, anziani ma non solo.

L’accordo infatti prevede l’innalzamento delle fasce di esenzione: per l’Irpef si passa dai 10mila e 500 euro previsti lo scorso anno a 11mila. La soglia invece per la riduzione del 50 per cento della Tari passa da 6mila e 500 euro a 7mila e 700.

Agevolazioni per tutti dunque. Ma l’accordo non prevede solo questo. I sindacati dei pensionati di Cgil, Cisl e Uil hanno infatti chiesto e ottenuto il rilancio del tele soccorso per favorire l’autonomia degli anziani, una nuova sede Inps vicina alla fermata dei bus e senza barriere architettoniche, la riapertura dello sportello per l’impiego. E, ancora, la conferma degli impegni per la Casa della Salute e per la lotta alle ludopatie e, infine, il potenziamento della raccolta di pannoloni e pannolini usati allo scopo di sostenere quelle famiglie che hanno disabili gravi a carico, anziani non autosufficienti e neonati.

I soggetti coinvolti, sindacati e enti locali, si dicono soddisfatti per i risultati raggiunti. Infatti, nonostante la situazione economico-finanziaria non sia delle migliori, si sono fatti gli sforzi necessari per garantire un welfare comunale di qualità. “Abbiamo interloquito positivamente con il Comune di Amelia – ci dice il segretario generale dello Spi di Terni Luigino Mengaroni – Spostando di 500 euro la soglia di esenzione Irpef, oltre 140 pensionati quest’anno non pagheranno l’imposta. E non dimentichiamoci che gli anziani con pensioni basse nella nostra città sono tanti”.