Solidarietà. Da Ravenna 3500 euro al Comune terremotato di Caldarola

0
1407

Non si ferma la macchina della solidarietà verso le popolazioni terremotate del Centro Italia. A Ravenna, nell’ex circoscrizione di Piangipane, lo Spi Cgil, insieme ad altre 13 associazioni (Pro loco, Un mosaico di idee, Il seme, Acli, GS Piangipane, TC Piangipane, Musicabus di Barbara Mazzolani, Piangipane Beach, Real Piangipane, Ora e sempre Resistenza, Associazione Musica e Arte Teatro Socjale, Parrocchia), hanno promosso una cena di solidarietà raccogliendo, anche con il contributo di alcune aziende, 3.500 euro che hanno destinato al Comune di Caldarola, in provincia di Macerata, Marche, uno tra i più colpiti dal terremoto dello scorso anno.

Il paese conta 1.900 anime ed è tanto ricco di storia e arte quanto provato dai terribili effetti  del sisma che lo scorso anno ha distrutto gran parte del centro storico, alcuni importanti strutture come la scuola e il futuro di chi ci abitava. Il 23 settembre, una loro rappresentanza si è recata nella zona del cratere con un pulmino messo a disposizione dalla parrocchia per consegnare la somma al Sindaco Luca Maria Giuseppetti. L’incontro è avvenuto presso le strutture provvisorie donate al Comune dalla Regione Emilia Romagna attraverso la propria struttura di Protezione Civile.

La cifra verrà utilizzata per i lavori di sostituzione, con una struttura più robusta e adeguata, della attuale copertura, in telone di plastica, dell’ampio spazio che divide due file di container, dove attualmente si svolgono tutte le funzioni della comunità (matrimoni, assemblee, cresime, funerali ecc.). Un intervento che il sindaco ritiene necessario, soprattutto in vista del prossimo inverno, particolarmente rigido in queste zone, dove lo scorso anno, ad esempio, caddero oltre due metri di neve.