Scatti d’energia. In un’immagine la nostra quotidianità. La mostra dello Spi Cgil Bergamo

0
373

In oltre cento immagini, la quotidianità autentica della vita trascorsa dentro le residenze sanitarie per anziani e i centri diurni per disabili della provincia di Bergamo: viene inaugurata sabato 23 settembre la mostra fotografica “Scatti d’energia”, curata e promossa dallo Spi Cgil provinciale nell’ambito dell’iniziativa regionale Giochi di LiberEtà del sindacato dei pensionati. Hanno aderito all’iniziativa strutture da tutta la provincia fornendo le proprie fotografie.L’inaugurazione si terrà sabato 23 settembre alle ore 15.30 nel salone Galleria d’arte “Borgo d’Oro” in via Borgo Santa Caterina 33 a Bergamo. All’inaugurazione interverranno gli assessori del Comune di Bergamo Marcella Messina alle politiche sociali e Giacomo Angeloni alla partecipazione e alle reti sociali. A seguire prenderà la parola Pinuccia Cogliardi della segreteria Spi Cgil della Lombardia.

Verranno esposte 108 fotografie scattate da educatori e operatori socio-sanitari in ventinove tra Rsa e Centri per disabili del territorio bergamasco.

La mostra rimarrà aperta anche domenica 24 settembre dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 18, poi da lunedì 25 fino a venerdì 29 settembre dalle 14 alle 18 (per informazioni, 035.3594167).

«L’idea di invitare gli educatori delle Rsa e dei Centri diurni a scattare immagini con le persone che assistono ci è venuta durante l’ultimo incontro del coordinamento che lo Spi Cgil promuove con i lavoratori di queste strutture» ha spiegato oggi Mario Belotti, responsabile dell’area benessere dello SPI-CGIL di Bergamo, curatore e coordinatore dell’iniziativa. «Il desiderio è stato quello di rendere visibili momenti significativi delle giornate tipo all’interno di questi centri. Il buon successo di partecipazione, con oltre cento immagini ricevute, dimostra la voglia di raccontare cosa accade in Rsa e Centri diurni per Disabili, luoghi dove non si vive di inerzia, ma dove l’energia esiste eccome».

Scarica la locandina dell’iniziativa qui