Sicilia. Un vademecum rivolto a tutti i cittadini, soprattutto ai più anziani, che fornisce informazioni, consigli e suggerimenti pratici per gestire in sicurezza risparmi ed esigenze finanziarie. Lo hanno realizzato lo Spi Cgil e la Fisac della Sicilia. La guida è stata presentata al palazzo della Provincia di Messina nel corso di un dibattito al quale hanno preso parte esperti e docenti universitari e che si è concluso con gli interventi dei segretari generali nazionali delle due categorie Ivan Pedretti (Spi) e Agostino Megale (Fisac).

«Dopo l’iniziativa contro le truffe agli anziani – hanno detto Maurizio Calà, segretario generale dello Spi Sicilia e Francesca Artista, segretaria generale della Fisac regionale – con questo nuovo progetto, che intendiamo esportare al livello nazionale, puntiamo a garantire le tutele a chi, non avendo dimestichezza con le operazioni finanziarie, può inconsapevolmente mettere a rischio i propri risparmi. Oggi – hanno aggiunto – banche, assicurazioni e anche le poste, per raggiungere i budget propongono prodotti e operazioni senza che spesso ai clienti siano chiari i rischi connessi, e questo non è ammissibile».

Sulla tutela dei risparmiatori esiste una direttiva europea del 2007, aggiornata nel 2017  e già in vigore in Italia, che ha l’obiettivo di assicurare protezione a chi effettua investimenti , soprattutto a chi, come anziani, giovani e famiglie, ha minore conoscenza degli strumenti finanziari. «Il nostro vademecum- hanno precisato Calà e Artista – offre informazioni sulla direttiva in questione che, oltre che regole di condotta per le banche, dà consigli circostanziati rivolti a chi investe i propri risparmi, per evitare rischi».

Sulle truffe agli anziani e l’educazione finanziaria esistono già tavoli presso le prefetture  «alle quali il sindacato ha chiesto formalmente di partecipare – informano Calà e Artista –  in forza della sua rappresentanza degli utenti e dei lavoratori del settore».

«La tutela del risparmio è un grande tema che riguarda da vicino molti pensionati e anziani – ha detto il Segretario generale dello Spi Cgil intervenendo al dibattito. Dobbiamo formare e informare i cittadini su una corretta gestione dei propri soldi. Penso che un Sindacato come il nostro debba occuparsi anche di questo».