Il mistero del cannone stellare

0
926

Il potente occhio del telescopio spaziale Hubble della Nasa ha portato all’attenzione degli esperti un nuovo mistero astronomico. Nelle vicinanze di V Hydrae – una stella morente a circa duemila anni luce da noi, nella costellazione dell’Idra – ha osservato dei globi di gas supercaldo, ciascuno di dimensioni doppie rispetto al pianeta Marte, eiettati a gran velocità da una qualche sorgente non ancora identificata.

Stando ai primissimi dati raccolti sul fenomeno, gli astronomi pensano che lo strano “fuoco di cannone” stellare duri già da almeno quattrocento anni. I globi di plasma vengono emessi una volta ogni otto anni e mezzo, e si muovono con una velocità tale che impiegherebbero soltanto mezz’ora a coprire la distanza Terra-Luna. A oggi la misteriosa sorgente di palle di fuoco resta un mistero. Secondo gli esperti – tutti ricercatori del Nasa’s Jet Propulsion Laboratory, a Pasadena, in California – è estremamente probabile che vengano generate da una stella compagna di V Hydrae, invisibile all’occhio di Hubble, ma la cui esistenza è da tempo nota grazie a calcoli e osservazioni indirette.