Domani, venerdì 23 febbraio, luci spente a partire dalle 18 in tutta Italia per l’iniziativa M’illumino di meno.

Dal 2005, ogni anno, una trasmissione di Radio2, Caterpillar, chiede ai suoi ascoltatori di spegnere tutte le luci non indispensabili alle 18 di un pomeriggio di febbraio.

Dall’inizio di M’illumino di Meno, in 14 anni, il mondo è cambiato. L’efficienza energetica è diventata un tema economico rilevante e le lampadine ad incandescenza che Caterpillar invitava a cambiare con quelle a risparmio energetico, adesso, semplicemente, non esistono più.  Ma c’è ancora tanta strada da fare. I governi di tutto il mondo sono chiamati a impegnarsi in prima linea.

M’illumino di Meno è diventata anche la festa degli stili di vita sostenibili, quelli che fanno stare bene senza consumare il pianeta.

Quest’anno Caterpillar e Radio2 dedicano M’illumino di Meno alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. “Perché”, come si legge sul sito della trasmissione radiofonica, “sotto i nostri piedi c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo”.

Luci spente nelle sedi della Cgil in tutta Italia. “La Cgil – si legge nella nota di adesione – è impegnata per dare il proprio contributo attraverso la contrattazione, le proprie proposte e con iniziative politiche a sostegno di un nuovo modello di sviluppo sostenibile. Crediamo fermamente – conclude la Cgil – nell’importanza del consumo intelligente, dell’uso responsabile e consapevole delle risorse e del risparmio energetico ed è con questo spirito che il 23 febbraio spegneremo i dispositivi elettrici”.

Tutte le informazioni sul sito di Caterpillar