Libri/Postpandemia, i rischi di una modernizzazione senza civilizzazione

0
235

Viviamo un’epoca di strabilianti innovazioni, ma anche di inquietanti forme di schiavitù salariale, sociale, tecnologica. Sono questi i temi al centro delle lezioni che il giurista Antonio Cantaro, professore ordinario di Diritto costituzionale, ha raccolto nel volume Postpandemia. Pensieri (meta) giuridici (ed. Giappichelli, pagg.192, euro 19,00) che verrà presentato giovedì 11 novembre, alle ore 14,00, presso l’Aula Magna dell’Università degli studi di Urbino Carlo Bo.

Le formule magiche della postpandemia – ripartenza, resilienza, sostenibilità, transizione ecologica e digitale – oscurano, nell’analisi del giurista, finalità e obiettivi ultimi della nuova era. In assenza di una limpida bussola ideale e politica, il rischio è che l’attenzione sia rivolta esclusivamente su come spendere le risorse da destinare a questo o a quel settore. Modernizzazione senza civilizzazione. Una modernizzazione, cioè, orfana del lascito più prezioso della storia euro-occidentale e della promessa contenuta, in modo esemplare, nella nostra Carta fondamentale, di una società a misura dei governati.

Nella raccolta di lezioni tenute da Cantaro ai suoi studenti dell’Università degli studi di Urbino Carlo Bo, emerge soprattutto un appassionato invito a riprendere il cammino interrotto del costituzionalismo dei governati, al servizio della giustizia sociale e della verità, quale che sia il significato che ciascuno di noi attribuisce a queste impegnative parole che rendono degna di essere vissuta la nostra esistenza collettiva. Affinché il domani non sia un domani che prescinde dall’umano, qualcosa che si rivelerebbe ben più catastrofico di una pandemia.

Chi è: Antonio Cantaro è professore ordinario di Diritto Costituzionale presso l’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. Ha insegnato e insegna presso altri Atenei e Scuole di specializzazione italiane ed europee. Ha diretto e presieduto a lungo il Centro di iniziative e studi per la Riforma dello Stato (CRS). È autore di numerosi scritti e saggi monografici (alcuni dei quali tradotti e pubblicati in Spagna e in Germania) tra i quali La modernizzazione neoliberista (Franco Angeli, 1990); Europa sovrana (Dedalo, 2003); Il secolo lungo (Ediesse, 2006), Il diritto dimenticato (Giappichelli, 2007), Economia e diritto nello spazio europeo (Cisalpino, 2018).