La rinascita. Il nuovo numero di LiberEtà di giugno

0
578

Il numero di giugno di LiberEtà si apre ricordando la data del 2 giugno, Festa della Repubblica (clicca qui per l’anteprima): il titolo scelto per la copertina è La Rinascita. Del referendum che mise fine alla monarchia e diede vita alla Repubblica ne scrive Fabio Martini, mentre Giorgio Nardinocchi analizza i dati del rapporto Istat Benessere equo e sostenibile.

Il nostro non è un paese per giovani: a dircelo ancora una volta è l’Eurostat secondo il quale un quarto della popolazione giovanile in Italia è a rischio povertà.

Nell’intervista al professor Maurizio Ambrosini discutiamo di immigrazione e di come nel nostro paese non ci sia alcuna vera emergenza. Tra le pagine di politica internazionale, l’intervista al professor Massimo Papa, ordinario di diritto musulmano e dei paesi islamici all’università di Roma Tor Vergata: con lui cerchiamo di capire quali siano gli strumenti giuridici che il regime iraniano utilizza per giustificare la feroce repressione nei confronti di chi dissente.

Negli interventi delle sociologhe Flaminia Saccà e Anna Simone, un interessante approfondimento sulle donne e la politica e sulla questione di genere, sul “donnismo” e il femminismo.

E ancora: campi della legalità, storie dai territori, le Pagine blu dedicate al cinema e al confronto tra due interessanti pellicole. Parliamo di Spid, di dichiarazione Isee e di ambiente tra le pagine verdi, con un’attenzione particolare al tema dell’acqua e della siccità.

Nella rubrica Buono a sapersi vediamo come pagare le bollette on line, scopriamo esattamente cosa sono le microplastiche, e vediamo come trattare la lettura tra i più piccoli. Nelle pagine dedicate alla salute la prevenzione dei nei e gli alleati contro il diabete. Tra le pagine del lunario, le ricette, i suggerimenti di luoghi da visitare, i consigli di lettura e il racconto di una delle nostre lettrici e scrittrici che ha partecipato al Premio LiberEtà del 2021.

Ricordate che l’abbonamento a LiberEtà costa 15 euro. Per un anno intero potete leggere la rivista sia in formato cartaceo sia digitale.

Per abbonarvi alla rivista cliccate qui.