Governo nel caos: a gennaio salta rivalutazione per quattro milioni di pensionati

0
356

Niente rivalutazione sulla pensione di gennaio per quattro milioni di pensionati. A denunciarlo è Ivan Pedretti, segretario generale del Sindacato dei pensionati della Cgil, il quale ha sottolineato che l’Inps non è stato messo nelle condizioni di erogare gli importi rivalutati per tutte le pensioni sopra quattro volte il trattamento minimo. La rivalutazione avverrà solo per le pensioni sotto questa soglia, ma sarà comunque recuperata nei mesi successivi attraverso un conguaglio.

«Sulle pensioni – afferma Pedretti – il governo è letteralmente nel caos e questo danneggia fortemente i pensionati, già colpiti dal taglio previsto dalla manovra. L’emendamento del governo, che doveva ripristinare il 100% di rivalutazione almeno fino a 5 volte il trattamento minimo, si è rivelato una bufala» perchè la perequazione si limita soltanto all’85%, con un taglio ulteriore per chi ha importi superiori.

Il segretario ha ricordato inoltre come anche la misura sulle pensioni minime porti in realtà ad aumenti risibili, per un solo anno e non per tutti. Secondo fonti di governo c’è l’accordo politico in maggioranza sull’ aumento a 600 euro delle pensioni minime per gli over 75. La modifica alla manovra dovrebbe essere introdotta attraverso un emendamento dell’esecutivo, in via di definizione.

«Bene abbiamo fatto a scendere in piazza venerdì scorso a Roma – continua Pedretti – e bene faremo a continuare a mobilitarci nei prossimi mesi contro un governo che vessa e penalizza i pensionati».