A Brescia i pensionati della Cgil ricordano le vittime del Covid

0
450

Un’iniziativa per non dimenticare la tragedia alle nostre spalle e tutte le persone che a causa dell’epidemia ci hanno lasciato. E’ questo il senso dell’iniziativa, organizzata dal sindacato dei pensionati della Cgil, che si terrà il 24 settembre a Brescia dal titolo fortemente evocativo: E quindi uscimmo a riveder le stelle. Un verso della Divina Commedia che Liberetà ha usato per la copertina di maggio, quando ci trovavamo alla fine dei tragici mesi della quarantena e di fronte ai numeri dei molti, troppi, morti per l’epidemia.

L’iniziativa, che si terrà presso il Teatro Grande di Brescia, città duramente colpita dal Covid, è stata patrocinata dal Comune di Brescia. L’evento vedrà tra gli ospiti Ivan Pedretti, segretario generale dello Spi Cgil, Emilio Del Bono, sindaco di Brescia, Monica Falocchi, infermiera del reparto di rianimazione degli Spedali Civili, Elisabetta Donati, presidente della Fondazione Casa d’Industria Onlus. Saranno inoltre presenti Sandra Zampa, sottosegretaria al Ministero della Salute, e Maurizio Landini, segretario generale Cgil nazionale. A moderare l’iniziativa sarà Alessandra Del Barba dello Spi Cgil di Brescia. La giornata si concluderà con un’esibizione dell’orchestra Bazzini Consort.

Una nota dello Spi Cgil ripercorre il significato della commemorazione: “I mesi passati sono stati terribili, abbiamo perso amici, parenti, compagni. Non scorderemo mai le immagini delle terapie intensive piene, dei camion dell’esercito che portano via le bare, le ambulanze in fila fuori dagli ospedali, il personale ospedaliero sfiancato, il dramma delle case di riposo”.

L’iniziativa sarà anche un modo per ricordare i militanti dello Spi e della Cgil che hanno perso la vita a causa del coronavirus. “Ricordare quanto successo è un dovere morale, per questo abbiamo scelto Brescia – luogo simbolo della lotta al Covid – per rendere omaggio a tutti coloro che hanno perso la battaglia con questa orribile malattia e per sostenere chi la sta combattendo ancora oggi”. A loro LiberEtà, che sarà presente all’iniziativa, ha dedicato anche una pagina del sito dall’eloquente titolo “Mille papaveri rossi“, per ricordare il loro impegno nel sindacato.

“Ripartiamo dalla memoria – conclude la nota dello Spi – ma guardiamo avanti: c’è un paese da ricostruire, c’è tanto lavoro da fare. Noi, come sempre, faremo la nostra parte”.

Qui il programma completo