Il 7 giugno pensionati sulla rotta balcanica al fianco dei migranti

0
1110

Lo Spi Cgil sarà a Obrežje/Bregana, al confine tra Croazia e Slovenia, mercoledì 7 giugno insieme ad altri dodici sindacati dei pensionati per firmare un appello a sostegno di un’Europa giusta e solidale. Sindacati dei pensionati austriaci, bosniaco-erzegovesi, croati, ungheresi, italiani, kosovari, macedoni, montenegrini, sloveni e serbi, tutti insieme per promuovere un’Europa che affermi e promuova quegli ideali di pace, giustizia, eguaglianza sociale e convivenza civile che sono alla base del suo sogno.

«Lungo la rotta balcanica oggi ondate di disperati fuggono dalla guerra  e da condizioni di vita miserabili. A tutto ciò – si legge in un comunicato dello Spi Cgil – non possiamo rispondere con il filo spinato. Chiediamo che i Governi ratifichino la Convenzione Internazionale per la Protezione dei Diritti di tutti i Lavoratori Migranti e dei Membri delle loro Famiglie e le analoghe Convenzioni dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro. Questo appello segue quelli che abbiamo già sottoscritto a partire dal 2016 al Brennero con il sindacato austriaco, a Ventimiglia con quello francese e a Noto con i sindacati pensionati della Tunisia. In questo modo diciamo ancora una volta no ai respingimenti in mare e no ai reticolati di filo spinato».

L’iniziativa di solidarietà prosegue l’8 giugno con la VII Conferenza regionale dei sindacati pensionati che si terrà a Zagabria.