L’Europa al voto, il numero di maggio di LiberEtà

0
366

“L’Europa al voto” è il titolo che abbiamo scelto per la copertina del numero di maggio di LiberEtà (clicca qui per l’anteprima) e proprio al tema delle prossime elezioni è dedicato l’articolo di Paolo Soldini che disegna le prospettive del voto europeo. Il giornale si apre con le ormai consuete pagine di curiosità e con la novità delle tavole di Mauro Biani, che ci accompagneranno ogni mese. L’editoriale di maggio è a cura di Tania Scacchetti, segretaria generale dello Spi Cgil, che racconta i mesi a venire, tempo di mobilitazioni di lavoratori e pensionati.

Al lavoro precario e povero è dedicato il pezzo di Giorgio Nardinocchi che racconta le storie di uomini e donne che devono fare i conti con paghe da fame che non consentono loro di arrivare a fine mese.

Il direttore Giuseppe F. Mennella ha intervistato Guido Calvi, avvocato, già parlamentare, filosofo del diritto ed ex componente del Csm, per parlare – oltre che dei grandi processi che lo hanno visto protagonista – anche di politica, di riforme istituzionali e del sistema giudiziario. Nell’archivio della memoria ricordiamo le stragi nazifasciste in Italia, mentre Massimo Cirri ci offre un ricordo di Franco Basaglia e della legge 180 del 13 maggio 1978 che sancì la chiusura dei manicomi.

Tra gli anniversari ricordiamo quello del referendum abrogativo della legge sul divorzio che incontrò oltre il 59 per cento di voti contro l’abrogazione e decretò, quindi, la conferma della legge in un’Italia in cui ebbe la meglio la parte laica, progressista e tollerante del paese. Parliamo poi di campi antimafia che, come ogni anno, da giugno a settembre, si terranno in tutta Italia.

Tra le pagine blu incontriamo Max Paiella, musicista, cantante, attore, comico e fumettista; nello spazio dedicato al teatro raccontiamo l’attrice napoletana Pupella Maggio e in quello dedicato al cinema troviamo i fratelli Taviani che hanno scritto pagine memorabili della storia cinematografica. E poi le nostre pagine verdi, tra le quali troviamo Federconsumatori che spiega che cosa sono i mutui variabili; la filosofia di vita islandese secondo la quale tutto alla fine si aggiusta (thedda redust); le microplastiche e la loro diffusione nell’ambiente.

Parliamo poi di PayPal e delle truffe possibili su questo canale di pagamento, mentre tra i suggerimenti di viaggio andiamo sul lago Maggiore a scoprire le isole Borromee e il borgo d’Italia scelto per questo numero è Stroncone, a poca distanza da Terni. Su salute e alimentazione parliamo dell’abitudine di digrignare i denti e di sovrappeso e obesità. Nella rubrica curata da Pepeverde scopriamo se la lettura di Italo Calvino sia adatta anche ai ragazzi. Poi il nostro lunario con tante curiosità e i vostri racconti.

Chiudiamo ricordandovi che l’abbonamento a LiberEtà costa appena15 euro. Per un anno intero potete leggere la rivista sia in formato cartaceo sia digitale. Per ordini, abbonamenti e informazioni chiamate lo 06 44481249 o scrivete a segreteria@libereta.it