Le fake news sono sempre in agguato. Soprattutto in periodi pre-elettorali. Capita così che torni in auge una notizia vecchia che sta gettando nel panico tantissime persone. Gira su internet. Ed ha a che fare con la pensione di reversibilità e su un presunto intervento del governo.

Niente di più falso. Eppure sta girando su molti siti e sui social. È una bufala, creata ad arte per generare confusione. Non è prevista infatti alcuna norma sulle reversibilità. Si tratta di una notizia vecchia di due anni fa lanciata dal Segretario generale del sindacato pensionati Cgil Ivan Pedretti sull’Huffington Post. Allora il problema fu risolto nel giro di qualche settimana, come dimostra un altro articolo sempre a firma di Pedretti. 

La notizia però viene ora rilanciata e spacciata per attuale facendo credere a tutti che le reversibilità siano in pericolo e che ci sia l’intenzione del governo di andarle a toccare.
 Semplicemente non è vero. Si tratta di una gigantesca bufala, così come viene spiegato in un articolo appena pubblicato da Pedretti sempre sull’Huffington Post

“Le cose che ho scritto all’epoca sono quelle, ma la data è di pubblicazione è stata cambiata rendendo così attuale un problema che oggi in realtà non ha alcuna ragione d’essere. Le mie parole sono quindi strumentalizzate e credo che il fine ultimo di questa operazione sia sotto gli occhi di tutti – spiega Pedretti – Si sta cercando di creare un allarme, di generare confusione e di provocare una reazione rabbiosa. E mi sento inerme perché sono involontariamente e impropriamente utilizzato per questo bieco e spregevole fine”.

Pedretti lo ha chiarito in un video sul suo profilo Facebook.

Un episodio che richiama l’attenzione sulla necessità di controllare sempre le fonti delle informazioni e i siti e le pagine facebook su cui vengono pubblicate.