martedì 21 Maggio 2024
Home News dal Territorio Frosinone. In campo contro povertà e esclusione sociale

Frosinone. In campo contro povertà e esclusione sociale

0
Frosinone. In campo contro povertà e esclusione sociale

“Sconfiggere la povertà: analisi, valutazioni, proposte”, questi i temi affrontati nell’iniziativa organizzata il 4 dicembre dallo Spi Cgil di Frosinone Latina presso la sede della Provincia di Frosinone. A introdurre i lavori, moderati da Anselmo Briganti, Segretario generale Cgil Frosinone Latina, è stata Beatrice Moretti, Segretario Generale dello Spi Cgil Frosinone Latina, cui sono seguiti gli inteventi di Monsignor Cesare Chialastri, delegato della Caritas Lazio, di Carla Collicelli, Ricercatore senior Cnr Asvis prima dell’intervento conclusivo di Ernesto Rocchi, Segretario Generale Spi Cgil Roma e Lazio.

«Discutere di povertà ed esclusione sociale nella nostra provincia, in un contesto storico complesso, caratterizzato da conflitti, movimenti migratori massicci, disagi sociali nuovi e crescenti – ha affermato Beatrice Moretti – non vuole certamente avere come fine l’analisi dei numeri: lo studio dei dati dei dati è importante, ma non di per sé non risolve problemi. Il nostro intento – ha continuato – è semmai far crescere la coscienza collettiva su nuove e sedimentate povertà, che interessano i cassantiegrati, i pensionati, i giovani precari e comunque una fascia di popolazione sempre più vasta e sempre più in difficoltà, che non trova risposte a causa dell’inadeguatezza delle misure di welfare disponibili».

«In una fase in cui in troppi pensano che la soluzione ai problemi sia costruire muri e fili spinati – ha spiegato il Segretario generale dello Spi Cgil di Frosinone Latina –, questa iniziativa intende promuovere il dialogo e le sinergie tra soggetti diversi che sono però accomunati da impegni e obiettivi comuni e condivisi. Fondamentale è comprendere che sconfiggere la povertà è uno degli obiettivi fissati dall’Agenda ONU per il 2030, una data la cui prossimità richiede non solo l’impegno delle forse politiche e di governo, in termini di politiche e risorse adeguate, ma anche un salto culturale della società, in termini di attenzione e di rivendicazione. Sotto tale aspetto individuare i giovani come destinatari di un percorso di consapevolezza, può risultare a lungo termine determinate. Per questo – ha concluso Moretti – lo Spi Cgil ha coinvolto in questa iniziativa le scuole ogni ordine e grado di Frosinone, avviando contestualmente iniziative sull’argomento di carattere culturale ed educativo in tutte le scuole provinciali.