IMG-20170913-WA0001

Pubblicato il 13 set 2017

Periferie, Roma. Con i pensionati Cgil torna a vivere il giardino pubblico di Tor Bella Monaca

Un campo di bocce in periferia, un comitato di quartiere e il sindacato dei pensionati della Cgil. Sono loro i protagonisti di una bella storia di impegno civico, solidarietà e lavoro dal basso. Siamo in periferia, a Roma, a Tor Bella Monaca, un quartiere difficile attraversato da profondo disagio sociale. Qui stamattina i volontari dello Spi Cgil insieme ai ragazzi dell’associazione TorPiùBella hanno ripulito il giardino e il campo di bocce di Viale Santa Rita da Cascia che erano in stato di totale abbandono ed erano diventati una vera e propria discarica.

Da anni i pensionati della Cgil chiedono a gran voce alle istituzioni di bonificare lo spazio, per renderlo nuovamente utilizzabile e fruibile dai cittadini che vivono nel quartiere. Alle richieste del sindacato si sono aggiunte poi quelle del vivacissimo comitato di quartiere di TorPiùBella, che lo Spi ospita nella propria sede, composto da tantissimi giovani e dalle famiglie della zona. Il comitato è nato due anni fa e ogni giorno lavora concretamente per rendere più vivibili gli spazi pubblici di una delle periferie più grandi della Capitale.

Finalmente il sesto Municipio ha dato in concessione lo spazio al comitato e allo Spi. E così stamattina tutti assieme si sono rimboccati le maniche sgomberandolo dai rifiuti. L’occasione è un evento di streetart – promosso da un’altra associazione romana nata dal basso che si chiama 999 – che si terrà a Tor Bella Monaca tra una decina di giorni. Davvero un buon motivo per iniziare a sgomberare lo spazio dai materassi e dagli altri rifiuti accumulati nel tempo. Un buon motivo per riconsegnare alla collettività un luogo pubblico che torna ad essere di tutti.

La concessione, spiega Gervasio Capogrossi, della segreteria dello Spi Cgil di Roma Est Valle dell’Aniene, che stamattina era lì con altri dieci pensionati a pulire e che sta seguendo in prima persona la riqualificazione dello spazio, ci spiega che la concessione che il Comune ha rilasciato è di un mese soltanto: “il nostro obiettivo è quello di renderla permanente. Vogliamo occuparci direttamente di questo spazio insieme all’associazione TorPiùBella. Questo giardino e questo campo di bocce devono tornare ad essere un bene comune utilizzabile dalla collettività. Vogliamo organizzare eventi, attività, per tutti, giovani e anziani. Per noi è importante poter lavorare concretamente per questo quartiere dove ci sono dispersione scolastica e delinquenza”.

Anche il segretario nazionale dello Spi Cgil Ivan Pedretti ha commentato positivamente l’iniziativa dalla sua pagina facebook: “Come tutti sappiamo la Capitale d’Italia sta vivendo una situazione di profonda difficoltà e di degrado. Per risollevarla servono la politica e le istituzioni ma c’è bisogno anche di una reazione della comunità che la vive”.

A Tor Bella Monaca la comunità c’è e si fa sentire. E i pensionati dello Spi hanno dato il buon esempio facendo qualcosa di concreto per tutti gli abitanti, lavorando fianco a fianco a chi nel quartiere ci vive e cerca di trasformarlo ogni giorno mettendo a disposizione tempo e risorse.

Condividi sui social network

    Ricevi notizie simili via email

    * indicates required
    Leggi Liberetà ogni mese a casa tua