Cgil in 5 piazze per pensioni, sviluppo e lavoro

0
66

Lavoratori e pensionati hanno sfilato insieme oggi in cinque città italiane. Roma, Palermo, Bari, Cagliari e Torino. La Cgil è scesa in piazza per chiedere che venga cambiato il sistema previdenziale e che vengano sostenuti sviluppo e occupazione. Solo così si può garantire un futuro ai giovani.

Dopo l’esito del confronto con il Governo sulla previdenza, ritenuto “insufficiente”, la Cgil va avanti perché ritiene necessario bloccare l’innalzamento illimitato dei requisiti per andare in pensione.

Tra le altre rivendicazioni al centro della manifestazione di oggi, anche il riconoscimento e la tutela del lavoro di cura e la richiesta di una maggiore flessibilità per i lavoratori che devono avere più libertà di scegliere quando andare in pensione. La Cgil chiede anche di favorire l’accesso alla previdenza integrativa e di garantire un’effettiva rivalutazione delle pensioni.

Ma le motivazioni della mobilitazione non si sono fermate solo al fronte previdenziale. Stamattina il sindacato di Corso d’Italia ha chiesto anche di cambiare la legge di bilancio per sostenere lo sviluppo e l’occupazione, di estendere gli ammortizzatori sociali, di garantire a tutti il diritto alla salute e di rinnovare i contratti pubblici.