Svastiche contro i pensionati. Giovedì la manifestazione

0
894

Venerdì scorso una svastica e una frase intimidatoria sono state dipinte sulla saracinesca della sede dello Spi di Ceparana, in provincia di La Spezia.  L’ennesimo atto di intimidazione fascista. Un attacco grave ai diritti, al lavoro a chi offre quotidianamente un prezioso lavoro di aiuto concreto e di assistenza a tanti cittadini, soprattutto ai più deboli, agli anziani e alle persone in difficoltà.

Giovedì 21 dicembre si terrà una manifestazione per dire no ai nuovi fascismi, per difendere i valori della democrazia e della nostra Costituzione. L’appuntamento è alle ore 11 nella piazza del Comune di Ceparana. Interverrà anche il segretario generale dello Spi-Cgil Ivan Pedretti che venerdì aveva commentato così l’accaduto: “non è stata una mano imbecille. È stato un atto eversivo e criminale. E come tale andrebbe perseguito. Noi non ci facciamo intimidire e continuiamo a fare il nostro lavoro, consapevoli che siamo chiamati in prima persone a contrastare i fascismi che tornano a galla. Risponderemo colpo su colpo democraticamente. Esprimo – ha continuato Pedretti – tutto il mio affetto, vicinanza e solidarietà ai pensionati e ai nostri sindacalisti vittime oggi di questo odioso gesto e auspico che i responsabili siano presto individuati e puniti”. La solidarietà è arrivata anche dai Ministri Orlando e Martina.

Tutti i cittadini, le forze politiche democratiche e le associazioni sono invitati a partecipare all’iniziativa di giovedì. “Invito tutti a partecipare, rispondiamo colpo su colpo, non lasciamoli passare, non permettiamo ai fascismi di tornare”, dice Ivan Pedretti dal suo profilo Facebook.